Ha ryetY!

Between tripples and trapples* sabato siamo partiti alla Wolta dei nonny di Rieti, con la biNbetta furibonda ancora convaleschente e sotto areosol e anitbBiotici.

Resteremo qui una settymana, e già non sono mancati i punti fermi:

1) La desolazZione del nucleo indistriale/artigianale, seNpre più spinta.

2) cazzU!

3) Le crostate (solo cinque), la coratella (solo una pentola enorme) e l’aglio e ceci della nonna.

Jeri pranzo di pasCua (finito alle cinCue) con relativa mangiata pantagruelica e toscano stasatutto.

A sera ho avuto anche il coraggio di mangiare…S’alWatemY!!!

* tra trippole e trappole

SchorcY

Domenicha passata a casa con mamma e biNbetta arrrrabbiona…DoWeWamo and’are ai gonfiabili di Montrcatini (qualsiasi coa siano) ma per cholpa della pyioggia l’asilo ha annullato tütto.

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

VerZo le d’odici la belWa è strana…insofferenza, si arrrrabbia e piagnuchola. La sento chalda…ha 37.7.
l’amamma chiede “che ti fa male??” e lei: “testa”…

Io aggiungo ” ti fa male la testa??” “ti!” rispondhe…

Aggiungo “e la gamba!!”
“ti!”
“e i peli del collo??”
“tii!!”

Uhmmm…

%%%%%%%%%%%%%%%%%%%%

Esco e coNpro un po’ di gelato, al mio ritorno mi accolgono grida da st’adio…
“ge-la-to!! ge-la-to!! ge-la-to!!”

Evidentemente non sta malisssimo…

YmballaggY

Domenicha di tranquillo casalingato militante. Il dito della mamma migliora, ma per le faccende più iNpegnatiWe come laWare piatty & paWimenti, caNbiare la jena ecc…è seNpre fuori uso.

Da bravi cittadini rispettosi dell’aNbiente ricicliamo tutto, carta, plastica, metalli, vetro e Humido. Separiamo tutto per benino e quando i sacchi sono pieni li portiamo alla champana.

Tutte le volte che avviamo una nuova busta della plastica mi rendo conto di un fatto preoccupante: si riempie nel giro di un giorno, anzi, di poche ore. Di imballaggi. La frutta? Imballata nella sua scatoletta di plastica (anche se alcune le teniamo), la carne? in apposita vaschetta, formaggi? Idem…in un metro quadrato di pellichola, e poi uova, verdura, latte, biscotti, tutto impacchettato e delle volte bi-impacchettato.

InZomma, non si fa pari a riempire buste di imballaggi. In plastica.

Ma io dico…non si può evitare di imballare tutta questa roba due o tre volte? Da qualche settimana a questa parte ho messo in atto una serie di contromisure:

1) Non prendo più frutta e verdura preconfezionate, uso i sacchetti che poi riuso per buttare l’indifferenziato.

2) La charne la prendo in confezioni famiglia, poi congelo il tutto in vaschette di plastica rigida, non in sacchetti gelo.

3) Evito prodotti con imballaggi troppo elaborati. Se sono così stronzi da impacchettare tutto venti volte per poi scriverci sopra che mantiene la fragranza (ma di che!) la roba se la tengono.

Nonostante la buona Wolontà i miglioramenti sono lieWi, e per il latte non ho anchora la soluzione, ci sono dei posti dove lo vendono sfuso, ma qui a Empoli non ne ho visti. Idem per i detersivi.

Viviamo nella civiltà dell’imballaggio…tra un po’ imballeranno anche la topa, in confezione “salvafreschezza”…

Domenicha traCuilla!

E meno male! Viste che le ultime due le ho passate giardinaggiando…oggi ci siamo ryposati, siamo stati con la biNbetta arrrabbiona e ci siamo gustati (si fa per dire) il dolce per il compleanno di mio fratello, che, probabilmente ammoscando la tragedia, non si è fatto Wedere.

Quale tragedia? Nulla…mia madre si è distratta e ha bruciato la chrema…per rymediare l’ha mescolata a della marmellata di prugne e ha farcito il tutto…non vi dico che manicaretto…

Vabbè…conZoliamoci con Johnny Burnette, l’apostolo del Rockabilly!

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/0JBkbxdwor0" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/jvdnEBsUxoc" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Ok…mettiamoci anche  bill Haley

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/F5fsqYctXgM" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

No… chuck berry non può manchare…

[kml_flashembed movie="http://www.youtube.com/v/jLD5H4uQ1xs" width="425" height="350" wmode="transparent" /]

Buona Domenicha!

Domenicha in attività

Altra domenicha a casa dei nonni…questo siginiFICA una chosa sola: invece di restare svaccato tutto il giorno a non fare nulla (o al massimo un acquerellino) dovrò armarmi di SILENZIOSISSSIMO (400 deciBel) tagliaerba a filo, indossare il frac e sotto un sole finalmente cocente radere al suolo la foresta tropicale che regna incontrastata nel giardino. E dopo…manco la soddisfazZione d’un toschano, ché qui non si fuma. Manco fuori…

Per la mamma e la biNbetta arrrabbiona il programma è tranquillo: coperta sul prato e giù a zampettare, alla ricerca di tutto quanto sia non commestibile…e di conZeguenza poppabile.

P.S.

Non è che qualcuno ha un bombardamento al napalm da prestarmi? Così, per snellire i teNpi del taglio erba…

Domenicha in compagnia!

Oggi giornata Weramente pïena!

Stamattina sono venuti a trovarci degli amici che non vedevamo da almeno un anno e un figlio. Non avevano mai visto la biNbetta arrabbiona, tutte le volte che provavamo a fissare una data per un bel pranzetto sorgevano coNplicazioni improvvise che ritardavano il tutto. Ma stavolta non ci sono stati chazzi! Habbiamo deciso che ci si doveva vedere e così è stato!

Il menù è stato deciso jeri:

1) Taglierata di formaggi: fiore sardo, roquefort, camambert e altri formaggi belli picchanti, tutto accompagnato da della ottima mostarda d’alTRIcocche.

2) Grigliata mista di majale, tacchino e pecorO. Quest’ultimo comprato direttamente a Rieti, durante la nostra ultima visita…semplicemente spettacholare!

3) InZalata…sì…lo so…l’erba è per le pecore…ma un minimo ci voleva…per compensare la leggerezza abbiamo aggiunto dei porri.

4) Una bella macedonia con panna & gelato.

Arrivano…finalmente vedo il loro secondo figlio…un frugoletto di tre mesi e mezzo, la cui calma è compenZata dalla jena…due anni di puro terrore. In dieci minutis ha: aperto tutti i cassetti, spostato tutte le sedie, raddoppiato il volume della coda della gatta (aka la belva felina, o l’animale nero) e stampiagliato con le suole il divano. La biNbetta arrabbiona invece si gustava le scene dalla sua posizione preferita: in terra alla ricerca di schifezze da poppare…ricerca infruttuosa, visto che la casa è pulitisssima.

Il pranzo, nonostante le interruzioni per le varie pappe, è andato alla grande…abbiamo ricordato i vecchi tempi del dottorato, sparlato del nostro ex-capo barone& nazista e ci siamo arrovellati il cervello cercando di capire come sarebbe riuscito a sistemare il nipote…tra una trippola & una trappola siamo arrivati in fondo all’avventura, contenti e soprattutto satolli.

Ma le sorprese non erano ancora finite! Stavo cominciando a rigoWernare quando squilla il cellulare della mamma…una sua collega è dalle nostre parti e vuole passare a trovarci…lei, il marito e altri due figli; una bimba di sei anni e un bimbo di un anno…con una malattia orrenda alle spalle. Per lui la vita è cominciata in salita, molto in salita. Ancora dentro la pancia gli hanno diagnosticato un tumore a una ghiandola surrenale. Cesareo d’urgenza e altra scoperta terribile, tumore anche al fegato. Avete idea cosa significa prendere un bimbo di un mese e metterlo in chemioterapia?Avete idea cosa significa aprire un bimbo di tre mesi?

Abbiamo seguito tutta la storia per telefono, preoccupandoci quando non avevamo notizie. Superata la fase critica, l’anno scorso siamo andati a trovarlo….stava sempre male e sempre con la belva dentro. Oggi ho visto un bel bimbo, vispo e allegro…con una bella strada davanti…e spero in piano, finalmente!

Buona domenicha!

CaNpane

Stamani il prete ha rispolverato il suo repertorio di scampanate…Alle 7:40 (otto meno wenty) la prima salva…ovvio che la belva si è svegliata…ha pianto un pajo di mEnuti e poi miracholosamente si è riaddormentata.

Poi il rinzillo alle otto…altra megascampanata! E li la biNbetta arrrabbiona si è ovviamente risentita…si è arrampicata sul lettino, ci ha visti e ha fatto partire la sirena. Bella sveglia! Sirena arrrabbiona e campane della chiesa, che, per inciso, è a cinquanta metri da casa.

Ma porcadiquellaputtana! Non c’è una stramaledetta legge che impedisca di scampanare a quell’ora di domenicha?

——

Verso le undici la jena si è addormentata, e finalmente ho trovato il teNpo di finyre le ulne…eccho il risultato:

cubito.jpg