EccuindhicY

Dimentichavo…oggi la jena ha coNpiuto quindici mesis…in pratica uno a dentino!

Niente torta, ma oggi, a suo modo, ha comunque festeggiato.

Come? SeNplice…a pranzho…passando le manine untissime su tutto quello che le capitava a tiro, nonna, babbo e sé stessa medesima, ungendosi tutta la faccia e i capelli, ahimè appena lavati.

Ora va in giro con una frangetta scintillante che la metà basta…altro che gel!

SeNpre HattualE!!

Jeri sera stavo leggiucchiando mentre la biNbetta arrrabbiona si staWa add’ormentando…trovo questo sonetto del Belli:

LO STATO DER PAPA

Come er Papa ha da stà ssenza lo Stato
Quann’è vicario lui de Gesucristo?
M’ha detto er coco a me de San Calisto
Che insinente a discorrene è peccato.

Ggesucristo c’ha ttanto faticato
Pe ffàcce tuttoquanto avemo visto,
Doverìa cede puro a chi è più ttristo
Sto cantoncel de monno conzagrato?!

Cede un par de cojoni! E de sto passo
S’arriva a levà Iddio dar paradiso,
Pe méttece in zu’ logo Satanasso!

Dunque pare che ssii bell’e indisciso
Ch’er Zantopadre a sto monnaccio è l’asso,
E ppò dì rriso ar farro e ffarro ar riso.

Scritta nel 1831…lo stato non esiste più, per fortüna…ma lui (er papa) è seNpre lì…a rompere le palle con le sue cazzate, e a dire “riso ar farro e ffarro ar riso”. E non gli puoi manco tirare due pomodory, ché con la papamobile non lo becchi!

Lo possino…