Mamma li turchi!

Continuo la lettura del libello del Pacini…sorvolo, per adesso, sugli stati europei, e passo a un’altra parte di Europa che non esiste più da un pezzo, l’Impero Ottomano, talmente grande che viene distinto in Turchia Europea e Turchia asiatica…Cosa s’inZegnava a metà ottocento di questo enorme impero?

La Turchia Europea

La Turchia Europea, che dall’Adriatico e dall’Ionio va fino al mar nero, non è altro che una parte dell’antico Impero Greco [L’impero Bizantino?], e si chiama così perchè l’Europa comporta di avere ancora i Turchi in casa sua. Sarebbe un paese d’incanto, ma con quel governo non si progredisce, e non vi possono fiorire nè le arti nè il commercio. La popolazione, che è 16 milioni, languisce in una grande miseria che è l’unico retaggio dei popoli schiavi: cosicchè, sebbene il clima sia buonissimo e sano, ogni tanto ci fa strage la morìa. Il terreno dà ogni cosa, e ci sono miniere d’oro, d’argento, di rame e di belllissimi marmi. — La capitale di questo impero è Costantinopoli, che rimane sullo stretto del medesimo nome ed ha 600 mila abitanti; sono buoni porti Varna sul mar Nero, Gallipoli allo stretto dei Dardanelli e Salonica: delle città dentro terra sono da ricordarsi Adrianopoli  [La moderna Edirne…Jonuzzen! a proposito di guerre Gotiche…], Gianina e Larissa [oggi in Grecia].

La Moldavia, capitale Iassy [oggi Iaşi, in Romania], La Valacchia, capitale Bukarest, La Servia, capitale Belgrado, tre regioni a tramontana, non spettano a questo impero che come principali vassalli.

Anche il Montenegro, piccolo paese montuoso in riva dell’Adriatico, è legato alla turchia con una  specie di vassallaggio.

Il fiume principale della Turchia è il Danubio, che va a finire nel mar Nero; quindi ne viene la Maritza [??] che mette nell’arcipelago. I monti sono i Balcani, che vanno da ponente a levante, e le Alpi Elleniche, che si dirigono a mezzogiorno a trovare il regno di Grecia.

—–

4 Risposte

  1. Buondì FOR, ancora non ero riuscita a darti il buongiorno, quindi buon pranzo. La Turchia è un paese meraviglioso, il ponte naturale tra l’oriente e l’occidente, misto di razze e religioni. Izmir io l’ho trovata fantasica. Un bellissimo viaggio a ritroso nel tempo. Grazie FOR, thè freddo in giardino
    Folletta baci baci

  2. ci fa strage la morìa!
    (come oggi la peste suina?)

  3. Frasetta fantastica, che ricorre anche in altre parti del libello…ma poi che diWolo è ‘sta morìa? Sarà la peste? Il De mauro dice: “grande mortalità per epidemia”…

  4. uhmmmm… tocca andare a verificare queste cose che dice il libercolo.. sulla turchia mi sento molto molto santommaso!!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: